• artefatti.

LA BAMBINA COL PALLONCINO DI BANKSY TORNA ALL'ASTA

Era il 2018 quando l'opera di Banksy - "La bambina con il palloncino" - fu venduta all'asta da Sotheby's a Londra per un milione di sterline.

Nello stesso istante in cui l'opera fu venduta, si autodistrusse grazie ad un sistema inserito all'interno della spessa cornice dorata che "affettava" letteralmente lo stencyl di Banksy trasformandolo in una serie di strisce di carta.


Le immagini che documentano il momento della vendita, mostrano come una sirena abbia suonato nel momento esatto in cui fu battuto il colpo finale della vendita, segnale che avviò il "tritacarte" montato sulla cornice e che distrusse l'opera stessa. Così l'opera diventava la prima opera d'arte creata da un artista in tempo reale durante un'asta.


Dopo il colpo di martello la settimana scorsa, quando il lavoro è stato distrutto, sono rimasta scioccata, ma gradualmente ho iniziato a rendermi conto che avrei finito per avere un pezzo di storia dell'arte”, avrebbe detto l'acquirente.

Oggi l'opera viene rimessa all'asta con un prezzo come minimo quintuplicato!

Il titolo della "nuova" opera è Love is in the bin ovvero L'amore è nel cestino, proprio per sottolineare dove simbolicamente sarebbe finita l'opera se il tritacarte non si fosse bloccato a metà del processo di distruzione.


A metà ottobre sapremo chi si aggiudicherà l'opera d'arte; adesso non ci resta che riflettere sul confine che esiste tra il valore che possiede un'opera d'arte e la riduzione della stessa a mero business.


© artefatti. by carmelo romato

9 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti