• artefatti.

POLLOCK E L'ACTION PAINTING

L'#actionPaiting, termine tradotto come pittura d'azione, chiamata il più delle volte Espressionismo astratto, è un modo di dipingere secondo il quale la pittura non viene applicata con attenzione Sulla tela, tramite ad esempio il pennello o la spatola, ma viene fatta gocciolare spontaneamente o lanciata sul supporto.

Il carattere fondamentale dellaction painting e probabilmente l’elemento che la rende affascinante, consiste nel fatto che per realizzare un’ opera viene utilizzata spesso l’energia ed il movimento di tutto il corpo.

Il singolo gesto della pennellata lascia quindi spazio ad una partecipazione totale del corpo dellartista, rendendo la nascita di un’ opera darte unica. Mi piace immaginare questa pittura come una forte relazione tra terra, aria e sensi dellartista; artista che mantiene infatti un forte legame con l’energia della terra ed allo stesso tempo risente delle vibrazioni dell’aria circostante su tutto il corpo che si muove per gettare il colore sulla tela.

Per quanto a volte risulti difficile da comprendere, lespressionismo astratto ha una potenza comunicativa enorme ed un’energia che travolge l'osservatore. Specialmente quando ci si trova dal vivo di fronte ad un’opera del genere - spesso di grandi dimensioni.


LartiSta riconoSciuto come creatore di questo nuovo stile pittorico e Jackson Pollock.

The deep, 1953


#Pollock, ispirato dal surrealismo, realizzava le proprie opere utilizzando la tecnica del dripping painting: facendo gocciolare il colore su una tela posta sul pavimento.

Egli camminava quindi attorno all’ opera d’arte, come se ci danzasse sopra, utilizzando tutto il corpo nel processo creativo. Ogni dipinto presenta una precisione apparentemente non percepibile, che sembra lasci spazio alla casualità.

Il nome di Pollock viene spesso ripetuto quando si fa riferimento a schizzi di colore non soltanto nel campo della pittura, larte infatti si manifesta quotidianamente in modi diversi e proprio per questo motivo LESPRESSIONISMO ASTRATTO viene ad esempio preso come riferimento nella la decorazione dei piatti di alta cucina.

Pollock mori a Soli 44 anni in in incidente d’auto perché guidava in stato di ebbrezza, la sua vita infatti fu purtroppo caratterizzata dall' abuso di alcol oltre che di psicofarmaci; fortunatamente questo triste aspetto della sua esistenza, non gli impedì di diventare uno dei più grandi artisti americani del Secondo 900, graZie a Peggy Guggenheim che lo scopre, gli permette di esporre e gli offre un contratto di lavoro come artista.


Nella realizzazione delle sue opere, Pollock preferiva spatole, gocciolamenti e materiali non pittorici, abbandonando pennelli, cavalletto e modelli; egli stravolse la tecnica entrando all’interno delle sue opere in uno stato di incoscienza tipico del surrealismo. Ecco perché le opere di Jackson Pollock prevedono un’intima e lenta osservazione.


Dipingere è azione di auto-scoperta. Ogni buon artista dipinge ciò che è.

J. Pollock


Guarda il video sul canale YouTube di artefatti



artefatti. by carmelo romato

© Tutte le foto utilizzate sono di pubblico dominio


14 visualizzazioni

© artefatti.    created by Carmelo Romato