• artefatti.

THE WOMAN ARTISTIC POWER - TAMARA DE LEMPICKA E MARINA ABRAMOVIC. Due icone nel mondo dell'arte

Aggiornato il: set 26

Due donne, due diverse generazioni, due modi inconfondibili ed allo stesso tempo ugualmente magnetici e capaci di catturare lo spettatore e catapultarlo in un mondo inimmaginabile. Da un lato l’uso innovativo del colore, le pose da rivista delle irraggiungibili e malinconiche donne di Tamara de Lempicka, dall’altro la forza comunicativa delle sconvolgenti performances di Marina Abramović, in cui è la stessa artista a diventare opera d’arte, opera che seppur irripetibile ed inafferrabile, colpisce dritta come una freccia scagliata dal più abile degli arcieri.

Ma come hanno influenzato l’arte queste donne e come sono diventate iconiche?


#TamaraDeLempicka, esponente fondamentale dell’Art Déco, vive al centro del palcoscenico della vita, corteggiata da schiere di uomini potenti, ottendo tutto quello che si possa desiderare: fama, ricchezza, una prestigiosa istruzione, corteggiatori.

Ma un’ ombra segue l’artista nel percorso della sua mondana vita, in tutti i suoi viaggi, in tutte le sue avventure: una forma di depressione che la porterà a frammentarsi in innumerevoli pezzetti racchiusi in ognuna delle sue opere. Le donne di Tamara sono meravigliosamente ritratte in pose plastiche perfette, colpite da una luce intensa e definite da giochi d’ombra e colori decisi che regalano una bellezza straordinaria; ma allo stesso tempo il loro sguardo appare coperto da un velo di malinconia, freddezza, distacco.

Autoritratto sulla Bugatti verde, 1929


La grandezza di Tamara risiede proprio nell’uso magnetico di pochi ma decisi colori che non possono non colpire lo sguardo di chi osserva; solo in un secondo momento, quando l’osservatore è stato ormai catturato e magneticamente incollato alla tela, si svela l’anima delle donne di Tamara, un’anima che fa’ del suo essere irraggiungibile, la sua forza.

Tra bianchi guanti, drappeggi rossi ed abiti color smeraldo, le opere di Tamara - definita la regina dell’Art Déco - influenzano, con il loro fascino, il mondo dell’arte al femminile.

Ritratto di Ira P., 1930

#MarinaAbramović, probabilmente l’artista contemporanea più discussa al mondo, rappresenta una rivoluzione nel mondo dell’arte, diventando un’ icona della Performance Art, consegnandosi allo spettatore/osservatore in momenti d’arte unici, che avvengono e si concludono, pertanto impossibili da replicare e rivivere.

Ritratto con una candela, Place of power, 2013


L’espressione del proprio corpo, l’energia, il rapporto tra pubblico e artista e la creazione di una percezione che diventa unica e personale da parte dell’osservatore, come quando ci si trova di fronte ad una tradizionale opera d’arte, sono i caratteri principali delle performances di Marina Abramović. L’artista diventa soggetto e oggetto per esplorare l’arte, ingloba nelle sue esibizioni la fotografia, la scultura, il suono.

The artist is present, 2010, MoMA di New York


Con l’opera intitolata The Life Marina Abramović supererà le barriere della Performance Art come momento irripetibile, sfruttando la tecnologia per creare una performance riproducibile e fruibile in diversi momenti, in cui elementi reali vengono mixati con elementi virtuali, superando i confini stessi di questo tipo di arte. Il corpo di Marina diventa così oggetto dell’opera, rappresentato digitalmente e visibile dall’osservatore come se fosse reale e presente in quel preciso momento.

The Life


Il grande contributo di Tamara de Lempicka e Marina Abramović sta nel fatto che entrambe le artiste - accendendo i riflettori sulle loro vite al servizio del mondo - diventano le fonti principali delle loro proprie opere e si innalzano esse stesse ad opere d’arte.


artefatti. by carmelo romato

53 visualizzazioni

© artefatti.    created by Carmelo Romato